Sono trascorsi sette anni dalla scomparsa dell’attore Heath Ledger, grande promessa del cinema americano e vincitore del Golden Globe per il migliore attore non protagonista. Nonostante questo gli stimatori del celebre personaggio dei fumetti ed eterno rivale di Batman, non tardano ad elogiare ancora oggi un attore che è riuscito ad incarnare appieno un personaggio altamente difficile da interpretare. Merito anche del regista Christopher Nolan che ebbe l’idea di alimentare l’ossessione di questo personaggio nella mente di Heath Ledger, fornendogli del materiale per immedesimarsi ancora di più nella figura di Joker, come il romanzo di Anthony Burgess, Arancia Meccanica, o le opere d’arte del pittore Francis Bacon. «Ledger si è preparato per il ruolo mesi e mesi prima. Lo abbiamo assoldato addirittura prima che la sceneggiatura fosse terminata, per cui ha avuto molto tempo per immedesimarsi nel suo ruolo».

Il primo attore ad impersonare Joker in un live-action è stato Cesar Romero, il quale dovette limitarsi ad un interpretazione consona alla visione dei bambini, per via della rigorosa “morbidezza” con il quale l’ideatore William Dozier costruiva i suoi episodi. Nel 1989, Tim Burton diede vita al Batman cinematografico, ove il personaggio di Joker venne affidato a Jack Nicholson, il quale grazie al via libera del regista, ebbe la possibilità di esternare le sue doti “intimidatorie” ed “euforiche” attraverso il celebre antagonista. Infine toccò ad Heath Ledger, il quale si ritrovo a far parte di un thriller in cui, il personaggio di Joker, doveva toccare cuore e mente dello spettatore, e riempirli di angoscia, fascino e terrore.

Dopo sette anni dalla sua morte, il risultato dell’interpretazione si racchiude in un applauso che ancora oggi non cessa, che permette al film ” Il Cavaliere Oscuro “, di continuare ad essere visionato e giudicato come miglior film diretto da Christopher Nolan. Aiuto reciproco.

Lascia un commento: