Thom Yorke dei Radiohead è uno dei cantanti e musicisti più importanti e talentuosi al mondo. Ed è un tipo certamente sopra le righe, da un punto di vista artistico e non solo. Questa volta il nostro caro Thom Yorke l’ha fatta proprio grossa: ha composto una traccia che dura 432 ore (!), praticamente 18 giorni. Perché mai un’immensità del genere? Subterranea, questo il nome, ha la durata della mostra alla quale farà da colonna sonora, ossia l’esposizione di Stanley Donwood dal 21 maggio al 6 giugno a Sydney.

Su internet, più precisamente su Dropbox, è già disponibile un piccolo assaggio dell’opera. I bene informati, i fortunati che hanno già avuto modo di godersela, assicurano che Subterranea è tutto fuorché ripetitiva o stucchevole: Thom Yorke, dicono alcuni addetti ai lavori, ha davvero dato il massimo. Ecco un estratto di un comunicato stampa:

I bassi tuoneranno dal pavimento, i medi echeggeranno fra le pareti, mentre gli alti pioveranno dal soffitto.

 

Lascia un commento: