Grande prestazione da parte dei bianconeri nella seconda giornata di Champions League contro il Siviglia di Emery. La partita comincia subito ad alto ritmo con la Juventus che mantiene il possesso della palla e difende con grande intensità nel momento del suo recupero. Dybala sfiora un gol alla ‘Messi’ dopo alcuni minuti dall’inizio della gara ed infine dopo una magia regala il pallone del 2-0 a Zaza.

Ottima prova di Khedira che dopo 60 giorni di convalescenza sforna una prestazione da campione, seppur non ancora al 100% della sua condizione. Prova di grande umiltà per Pogba, che alla ricerca delle vecchie giocate da vero Polpo si limita a regalare ai compagni una prestazione basata sul recupero palla, copertura e regia.

Morata eguaglia un colosso come Del Piero segnando il quinto gol consecutivo in Champions League, si propone, attacca il portatore palla, non entra mai in ritardo e nel primo tempo sul traversone di Barzagli insacca la palla di testa all’angolino.

Cuadrado è sempre più maturo in questa Juventus di stelle, già da qualche partita ci incanta con le sue prestazioni. Buono in fase difensiva, devastante in fase d’attacco. Dribbla sempre l’avversario, a volte anche due o tre di fila, crossa con classe e precisione, si inserisce dalla fascia destra e, da sottolineare, soprattutto in Juventus-Siviglia ha fatto la cosa giusta nel momento giusto, un nodo da sciogliere dell’ala colombiana.

Tutti bene nel reparto difensivo, in particolare Barzagli, bravo a coprire un ruolo non suo come se lo coprisse da anni, ed Evra, semplicemente prova impeccabile per il francese che chiude la fascia sinistra nella fase difensiva ed apre quella avversaria nella fase d’attacco.

Hernanes una banca in cui depositare il pallone, l’esatto contrario della prestazione di Napoli. Infine un giocatore che non ha trovato tanto spazio ma che si sta facendo vedere in quei 10 minuti alla volta. Si parla di Zaza, debuttando in Champions League a 10 minuti dalla fine e firmando il secondo gol. Esordio migliore?

Lascia un commento: