La roccia comparsa misteriosamente su Marte

Siamo soli nell’universo? Nell’attesa di trovare una risposta a questo interrogativo, è saltata fuori una roccia su Marte che prima non c’era, che ha dato vita ad un vero e proprio mistero dell’altro mondo. La scoperta è avvenuta grazie a due immagini scattate dal rover Opportunity ad una distanza di 12 giorni marziani (di durata leggermente superiore rispetto a quelli terrestri), con l’obiettivo indirizzato verso lo stesso luogo.

L’annuncio del ritrovamento è stato dato da Steve Squyres, capo della sezione scientifica di Opportunity al Jpl della Nasa a Pasadena, che ha descritto la roccia come “una caramella di gelatina a forma di ciambella”, bianca all’esterno e rosso scuro all’interno. Proprio in questi giorni si celebrano i dieci anni dell’arrivo delle sonde Spirit e Opportunity sul pianeta rosso (quest’ultima si trova al momento ferma a causa dell’inverno marziano) e quale modo migliore di festeggiare se non attraverso un ritrovamento eccezionale? Gli scienziati hanno soprannominato il sasso “Pinnacle Island” e le uniche cose certe al momento sono che fino adesso non era stato rinvenuto nulla di simile e che è ricco di zolfo e magnesio.

La roccia comparsa misteriosamente su Marte

Da dove viene la roccia su Marte che prima non c’era?

Sono già partite le prime ipotesi per spiegare il fenomeno e secondo gli esperti del Jpl potrebbero essere tre le principali spiegazioni:

  1.  Muovendosi, Opportunity avrebbe fatto schizzare un sasso che è finito proprio di fronte l’obiettivo della macchina fotografica;
  2.  Un piccolo geyser che si trova nelle vicinanze potrebbe aver fatto spostare il sasso;
  3.  La roccia potrebbe essere semplicemente rotolata da un agglomerato più grande.

Siete un po’ delusi? Sappiate che in tanti si sono già convinti del fatto che a portare su Marte la roccia siano stati gli alieni…

Lascia un commento: