Fotografia delle patatine fritte al cioccolato

Neanche i più golosi, probabilmente, avrebbero mai osato un accostamento tanto ardito, che invece è sembrato perfettamente normale a Lay’s, azienda americana che produce snack. L’annoso dilemma che ci obbliga a scegliere tra uno spuntino dolce e salato trova una risposta nell’ultima novità lanciata sul mercato statunitense: le patatine fritte al cioccolato al latte. Non si tratta affatto di uno scherzo, perché questo prodotto esiste davvero e rimarrà nei negozi per tutto il periodo natalizio: il pacchetto da 140 grammi viene venduto al costo di 3 dollari e 49 centesimi. Le patatine fritte al cioccolato sono una scelta azzardata, a cui solo i produttori americani potevano pensare: al momento verranno vendute per un periodo limitato, per testare il mercato e comprendere se riusciranno  diventare una proposta permanente.

Patatine fritte al cioccolato: per chi non sa scegliere tra dolce e salato

La proposta di una busta di patatine fritte al cioccolato al latte non è sicuramente tra le più convenzionali, ma potrebbe essere in grado di conquistare il cuore di numerosi acquirenti, pur sollevando alcuni dubbi. Quando vanno mangiate? Sono adatta a concludere un pasto o devono essere utilizzate come aperitivo? Qui starà sicuramente ai consumatori comprendere il migliore utilizzo. Impossibile prevedere se si tratterà di un successo in termini commerciali o soltanto di un enorme flop: vi sentireste pronti a provare qualcosa del genere?

Se l’assaggio delle patatine fritte al cioccolato vi lascia perplessi, sappiate che nel mondo esistono modi ancora più strani di fare uno spuntino: in Giappone hanno già pensato di produrre delle patatine al gusto di lingua di bue, in Messico, ad esempio, vanno per la maggiore le zampe di pollo (da sgranocchiare anche per strada), mentre in Indonesia non è inusuale gustare spiedini di cavallette. Qualora foste indecisi in merito a cosa mangiare per la prossima merenda, il mio consiglio è di andare sul sicuro: meglio una noiosissima mela!

Lascia un commento: