La pasta con l’anciova (acciuga in siciliano) è un piatto tipico della cucina povera siciliana, si può dire che è l’alternativa alla più famosa “pasta con le sarde”.
L’invenzione di questo piatto, secondo alcune fonti, viene attribuita agli “emigranti” che lasciavano la sicilia per andare a lavorare nel Nord Italia, e poiché è un piatto che si prepara con prodotti di conserva ne facevano provvista d’estate quando tornavano, per cucinarlo poi negli inverni lunghi e freddi e trarne così l’illusione di risentire il calore della propria terra.
E’ forse per questo che viene chiamata anche pasta a “Milanisa” (per  Milano allora si intendeva tutto il Nord Italia).

Esiste però anche l’ipotesi che asserisce che questa fosse la pasta dei braccianti e dei contadini, perché grazie alla trasportabilità degli ingredienti e al suo modo facile e veloce veniva preparata durante la pausa dal lavoro.

Ingredienti per 4 persone :

– 300 gr di estratto

– 2 spicchi d’aglio

– pasta d’acciughe

– passolini e pinoli

– pangrattato

Preparazione

Sciogliere l’estratto ( concentrato di pomodoro) con 500 cl d’acqua ( meglio calda per facilitare lo scioglimento) poi soffriggere l’aglio aggiungere una nocciolina di pasta d’acciuga e poi l’estratto sciolto; aggiungere pepe o peperoncino e un pizzico di sale.

Fare cucinare lentamente fino a quando il sugo si sara ristretto

Poi Mettere il pangrattato in una padella ( circa 100 gr) aggiungere un cucchiaino di olio e fare tostare al punto giusto.

Nel frattempo cucinare la pasta ( bucatino o margherita) e non appena pronta condirla con il sugo e mettete il pangrattato

Nel sugo  oltre al pepe ,se di gradimento  aggiungere  passolini(uva passa) e pinoli.

Lascia un commento: