L’esperto di galateo Myka Meier condivide la sua saggezza su come affrontare il disagio di un regalo Natalizio non gradito.

Fare Regali dovrebbe essere semplice e diretto.

Tuttavia, anche il più sensibile di noi non rimane immune da una reazione visibilmente negativa se è destinato a ricevere un regalo che lo ha lasciato perplesso o deluso.

Ma è sempre inevitabile essere infastidito? O c’è un modo educato per uscire da una situazione di imbarazzo, a prescindere da chi ti ha fatto il dono?

A disposizione per rispondere alle domande di MirrorOnline è l’esperto di galateo Myka Meier, fondatore di Beaumont Etiquette.

Ti aspettavi gioielli e hai ricevuto un aspirapolvere. “Certo che è normale sentirsi delusi o infastiditi se speravamo dei gioielli come un dono e qualcuno ci ha delusi”, spiega Myka. “Detto questo”, continua, “c’è una differenza tra la sensazione di fastidio e mostrarlo.” L’etichetta corretta – non importa cosa il regalo ti fa provare – è, secondo Myka, “essere sempre gentili, sorridenti e dire grazie.”

Non lasciare mai vacillare quel sorriso. “Non si dovrebbero mai mostrare emozioni negative in risposta a un dono che avete appena aperto, in quanto potrebbero davvero ferire i sentimenti di qualcuno holland apotheke viagra. Dobbiamo sempre e solo mostrare gratitudine.”

Per quanto riguarda la richiesta di ricevuta per un eventuale “cambio” è un NO da Myka, nella maggior parte dei casi. Tranne che la proposta venga da chi ha fatto il regalo.

I migliori consigli di Myka :

1. Mostra sempre gratitudine, non importa quello che pensi del dono – il fatto che qualcuno ti fa un regalo, dovrebbe sempre essere apprezzato.

2. Scrivere sempre una lettera di ringraziamento, se il regalo ti viene spedito da qualcuno.

3. Scegliere le parole con attenzione e pensare prima di parlare! Anche se non si vuole essere ipocriti, utilizzare parole come “Questo è un dono così creativo…..” o “Che pensiero gentile…..”

Siete d’accordo con Myka? Diteci la vostra opinione o raccontateci qualche vostra esperienza……

Fonte: mirror.co.uk

1 Commento

Lascia un commento: