Un ristoratore italiano, Rolando Del Torchio, 56 anni,, è stato rapito oggi nella sua pizzeria a Dipolog, nel sud delle Filippine dove sono attivi diversi gruppi separatisti musulmani.

Del Torchio è stato portato via da  uomini armati che si sono finti clienti. Il gruppo è stato visto poi salire su un motoscafo per lasciare la città via mare.

La Farnesina ha fatto sapere che l’Ambasciata italiana nelle Filippine ha confermato il sequestro e affermando di essersi attivata tempestivamente nelle ricerche.

Del Torchio è arrivato nelle Filippine nel ’88 come missionario del Pontificio Istituto Missioni Estere e ha dismesso la tonaca nel 1996. In seguito aveva aperto un suo ristorante, il “Ur Choice Cafè”, dove è stato rapito.

A Mindanao e nella stessa Dipolog, capitale della provincia di Zamboanga del Norte, sono presenti diversi gruppi ribelli musulmani, parte di una guerriglia separatista per ricavare maggiore autonomia in un arcipelago a maggioranza cattolica.

Del Torchio non è stato l’unico rapito nelle ultime due settimane,infatti vi sono stati già quattro casi di rapimenti di stranieri. Del Torchio si è già trovato in queste situazioni in passato in qunato era stato ucciso un suo compagno di missione.

Inoltre l’uomo era stato tra i fondatori della onlus Hope, che si occupa di progetti di sviluppo sostenibile in alcune aree del mondo.

 

Lascia un commento: