Mentre milioni di utenti si domandano se vale realmente la pena continuare a usare WhatsApp a pagamento o cominciare a cercare un'alternativa, Google apre l'affare per acquisire la più popolare tra le app di comunicazione e continuare a dare del filo da torcere al caro rivale Zuckerberg.
 

Da qualche giorno il colosso della rete ha messo gli occhi proprio sull'applicazione di Mountain View. A quanto ammonta l'offerta???

 

WhatsApp a pagamento? Altro che spiccioli…

L'abbonamento annuale che dovrebbe partire a breve e rendere il servizio di WhatsApp a pagamento ha un costo per l'utente di circa € 0,80. Una cifra davvero irrisoria, se si considera che Google ha messo sul tavolo delle trattative un bel malloppo da un milione di dollari che l'altra azienda ha deciso momentaneamente di rifiu​tare.
 

D'altronde il bacino d'utenza che vanta l'app non è cosa da nulla e permetterebbe a Google di recuperare terreno in merito al settore della messaggistica istantanea su cui sia Facebook, col suo Messanger, sia Microsoft, con l'acquisizione di Skype, hanno avuto la meglio finora. 

 

La magia di WhatsApp: ecco i numeri

 

Non è di certo un caso se Google ha deciso di spendere il suo capitale proprio investendo sull'applicazione di WhatsApp. 

 

Al momento, le cifre registrate sono davvero da capogiro: 17 miliardi di messaggi al giorno, più di 100 milioni di utenti, 750 reti mobili coinvolte in più di 100 paesi, con un record di 18 miliardi di interazioni tra chat e files multimediali scambiati il giorno di Capodanno nel 2012. 

 

Non c'è dubbio, si stratta numeri che avrebbero fatto gola a qualunque protagonista della rete e che, in realtà, sembra abbiano già sedotto il signor Zuckerberg qualche tempo fa. Sarà per questo che adesso i proprietari della più celebre applicazione di messaggistica istantanea stanno tirando sul prezzo?

 

E come biasimarli? Del resto con un fatturato potenziale di 100 milioni di dollari all'anno, forse chiedereste anche voi qualcosina di più, no? 😉

Lascia un commento: