vecchi collant

Perché buttare i vecchi collant, quando si possono riutilizzare per creare qualcosa di molto utile? La moda del riciclo creativo ci ha insegnato che, nella maggior parte dei casi, è possibile dare nuova vita alle cose che ci sembrano ormai inutili. Spesso i collant hanno vita molto breve (basta una sola smagliatura per farceli buttare via), ma per prolungarne la durata possiamo reinventarli: ecco 8 modi creativi e semplicissimi.

Riutilizza i vecchi collant così!

  1. Stendere gli abiti – Per stendere i capi particolarmente delicati basterà far passare all’interno delle maniche delle maglie i vecchi collant, e poi fissare sugli stessi le mollette da bucato (in questo modo non lascerete segni o non rovinerete i tessuti).
  2. Nel bucato – Per lavare i capi delicati potete utilizzare parte dei collant come sacchettino, annodando le estremità aperte.
  3. Spugna esfoliante – Infilando il sapone (o i rimasugli) nel collant avrete una spugna dalla delicata azione esfoliante.
  4. Per le pulizie di casa – I vecchi collant sono perfetti per la rimozione della polvere, basta strofinarli sulla superficie.
  5. Per profumare gli armadi – Potete creare dei sacchetti per profumare l’armadio: basta riempire i collant con fiori essiccati o bagnarli con qualche goccia di olio essenziale.
  6. Per i capelli – Basta tagliare i collant a striscioline spesse qualche centimetro per creare elastici per capelli, che avranno il pregio di non danneggiare né tirare la vostra chioma!
  7. Per l’orto – Il tessuto dei collant più leggeri è perfetto proteggere gli ortaggi (come le zucche) da insetti ed animaletti: in questo modo, non ci sarà bisogno di ricorrere a pesticidi.
  8. Paraspifferi – Ritagliate una delle gambe dei collant, rimuovete la punta del piede e la parte superiore: imbottite con altri vecchi collant o stoffe, quindi annodate le estremità.

Lascia un commento:

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.