Ebbene si, Silvye Lubamba arrestata a Roma per uso indebito di carte di credito. Da giorni la frizzante soubrette italiana, nota per aver partecipato ad un programma di Piero Chiambretti, non risultava reperibile e allora gli agenti di polizia hanno escogitato uno stratagemma… A cui lei ha abboccato!

Lubamba arrestata… cosa ha combinato stavolta?

Già in passato la showgirl televisiva aveva avuto guai con la giustizia, e tra un atteggiamento spregiudicato e l’altro, era più volte finita sulle pagine di giornale. Ma stavolta ha davvero esagerato. Lubamba arrestata nella Capitale, a seguito di un ordinanza dell’autorità giudiziaria di un cumulo di pene, dovrà scontare in carcere una condanna di 3 anni e 9 mesi. In particolare, la spumeggiante Silvye approfittava delle sue “amicizie” con uomini facoltosi per procurarsi in modo illegittimo bancomat e carte di credito, al fine di prelevarne cospicue somme.

Lubamba, sempre in giro per l’Italia, non era reperibile ultimamente, ma la polizia è comunque riuscita a fermarla. Il 31 Luglio la stessa soubrette aveva sporto denuncia per furto di bagagli e così gli agenti del commissariato milanese di Bonola l’hanno contattata con il seguente stratagemma: il riconoscimento su un album fotografico del presunto ladro. Lubamba ha abboccato! E così ha accolto l’invito di recarsi senza alcuna fretta a Roma, dove è stata bloccata ed arrestata.

Ma non finisce qui!
La portentosa la Lubamba arrestata era da giorni ospite di un senatore di centrodestra di cui ancora oggi non si sa il nome, ma che è stato prontamente ribattezzato “Senatore Lubamba”. Chissà, magari erano già “amici” e Silvye era pronta a “prendersi cura” delle sue carte di credito. Quel che è certo è che lei è stata ospite del misterioso politico e compagna di cene a cui hanno preso parte anche altri colleghi senatori. Peccato che questa vicinanza sia stata stroncata dall’arresto della gradita ospite così improvvisamente. Non ci resta che fare scommesse sull’identità dell’amico politico!

Lascia un commento:

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.