Altro che cenetta… Vogliamo il Cenone!

Si avvicinano le feste e con loro le abbuffate, di quelle che fanno metter su un po’ di ciccia che poi con fatica tentiamo di smaltire tutto il resto dell’anno. Ma come rinunciare al piacere di una bella tavola imbandita? La linea ne risentirà, d’accordo, ma un Cenone deve essere “one”!

Altrimenti che piacere c’è?

Che il Cenone abbia inizio: antipasti e primi

Una soluzione rapida e sempre deliziosa sono i voul-au-vent di sfoglia, che potrete guarnire con un ripieno di carne o pesce, secondo il menù che deciderete di portare in tavola. Se vi piace ingegnarvi, scegliete dei tortini di zucca rossa e pomodori secchi o delle rosette di salmone, con formaggio alle erbe.

Tra le prime portate immancabili i tortellini in brodo o le lasagne al forno. Per i menù a base di pesce, tagliatelle con zucchine e gamberi o spaghetti con capesante e pesto. Se vi piace tenervi in linea con la tradizione, apportando qualche piccola variante, cucinate dei ravioli in brodo di cappone. Che bontà!

 

Col Cenone, il secondo non è secondo a nessuno

Benché sia preceduto da due portate, in realtà, è il secondo a dominare la scena per il Cenone di Natale. Tutti aspettano con ansia che si faccia largo tra le candele e gli addobbi e c’è chi persino è disposto a rinunciare alla pasta pur di lasciargli lo spazio che si merita.

La tacchina ripiena, con le sue due ore e mezza di preparazione, batte tutti. Certo è che l’anatra all’arancia o il vitello arrosto gli danno filo da torcere. Per gli amanti del sapore del mare non possono mancare le trote al tartufo o le girandole di pesce, fatte con filetti di platessa e salmone. Consigliato dalla Sirenetta. E dalla duchessa, l’inventrice delle patate più famose nei ristoranti.

 

Caro, dolce Cenone

Se pensate di potervi alzare da tavola durante il Cenone senza aver assaggiato neanche un pezzettino di dolce siete dei poveri illusi. Come minimo vi beccherete le ramanzine delle mamme e rischierete di essere diseredati dalle nonne più tradizionaliste.

Non vi piace l’uvetta? Avete un problema. Perché se per un attimo avete sperato di farla franca, il panettone, re indiscusso dei dolci natalizi, è lì che vi aspetta.

Per fortuna oggi ne esistono in numerosissime varianti.

Voi come li avete provati?

Lascia un commento:

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.